Alessandro Bonzi blog - Internet e motori di ricerca

Mainly Internet business, but also life mysteries and videogames

Quello che nella vita vorreste vedere analizzato come se fosse un link internet…

MIATIVI, the Lego anti-hero

MIATIVI is a god.

35 years ago he was captured and imprisoned in the house of Profondo Rosso, a three floors huge mansion full of dark corners and locked doors. One of the facade windows was distinctly walled up.

A room with no lights and doors held a black coffin in it; a powerful ancient spell was cast on it so that whoever was kept in, he would be imprisoned forever.

Even a god.

Miativi used to be a god of the city of Atlantide, a large metropolitan city populated by Lego citizens. However he was the god of the bad people. He was the god of the bad things that would happen in the city. The god of any kind of calamities, of thieves and hoodiums, of thieves and criminals, of means and cheapskates.

Captured with the help of Ade god, he was locked into a coffin and secured in the Profondo Rosso mansion. Since then, nobody living in the Atlantide city has been able to even draw near the mansion. It was cursed and got more and more devilish every passing year, compelling the city to grow on the opposite side of the region.

People tell that during night you could also glimpse a tiny red light coming from the wall of the locked room.

For 35 years people forgot about Miativi and the war with Ade. The city flourished and the house of Profondo Rosso eventually collapsed, but the coffin was never found.

Archeologist Nikolay is an italo-russian treasure researcher. He wander the worlds of Lego in search for modern and ancient rarities.

With great astonishment I’ve just received a letter of his stating about his latest discovers. I remember he was chasing “Star Wars” reliquias.

He also added a photo of his last identification, asking me if I was eventually able to help him.

 

But I’m still shaken.

Here is the photo he enclosed.

MIATIVI

 

I made it. I’m meeting Mr. William Shatner.

Sapete quando vostra nipote Lida di 16 anni fa 6 ore di fila per una foto di Baby K o la vostra amica Anna si accampa il giorno prima fuori dallo stadio per essere la prima ad entrare al concerto di Mengoni? In questi momenti potete solo dire “Sono pazze!” e anche “Ma non c’è niente di meglio da fare?” – e tutti potremmo essere d’accordo.

500 KM PER INCONTRARE IL CAPITANO — Bene, ho appena prenotato una stanza d’albergo a Bologna e farò 500 chilometri in 2 giorni (andata e ritorno) per incontrare William Shatner; non dormo la notte e non vedo l’ora di sentire annunciato il suo nome e vederlo apparire in carne e ossa a pochi metri da me. E ho 45 anni.

E qui sorgono due quesiti. Il primo è “perché lo fai?”. Ma qui è facile rispondere. La risposta per gli amici è perchè è una leggenda vivente, perchè è il Capitano con la c maiuscola, perchè è Denny Crane, perché è se stesso e perché ora mi sento un pò come Sheldon quando sviene ricevendo in regalo un fazzoletto usato da Nimoy.

La mia risposta è perché Shatner mi ha sempre accompagnato in tutti gli anni della mia vita e ancora oggi lo fa, ma fino ad oggi era sempre rimasto in un libro, in un film o in Tv. Oggi invece può diventare un momento vero della mia vita, una stretta di mano, una foto e tutti quei momenti di televisione e cinema diventano reali. E come una magia e ti senti pure più giovane e più contento perché coinvolto direttamente dalle vicende delle persone che ammiri.

Il secondo quesito è “che cosa gli dirai?”. Qui è più difficile. Ci sarebbero le frasi fatte come “It’s a honor to meet you, Mr Shatner, you’ve always been my hero from T.j. Hooker to Danny Crane, from yourself in Better Late than never and even when you sing.” ma questa frase è troppo lunga, sicuramente soggetta a farfugliamenti ed errori grammaticali. Inoltre già a “Mr Shatner” si sarà stancato di ascoltare. Anzi, si ricorderà solo la fine in cui dico “… even when you sing!” e non va bene direi. E infine perché citare Hooker e non Star Trek?

Un altro modo sarebbe salutarlo normalmente, tipo “Good evening Mr. Shatner”, oppure usare un approccio amichevole come “Hi, Bill!”, ma quante altre persone gli avranno già detto questa frase? E poi chi sono io per chiamarlo Bill?

Inoltre, solo tre parole di saluto e niente altro? Praticamente il silenzio sarebbe meglio.

Allora forse l’approccio “alla Shatner” potrebbe essere meglio. Il Capitano ha le sue “RULES” come nel libro. Una regola dice di “sorridere quando si è arrivati“. Allora quando arrivo da Shatner, posso sorridergli e dirgli “Mr. Shatner, I’m smiling because I made it. I’m meeting you and I’m happy now.”. Questa mi piace di più, inoltre è l’applicazione alla lettera di una delle regole di Shatner, e penso sia consentito farlo almeno nell’area in sua prossimità.

Omg, I’m meeting him! I’m meeting William Shatner. The one man show and my Captain.

 

Edit: here he is below!

Tip: Now you should look at William Shatner in this photo with a legendary background music playing.

 

alessandro-bonzi-e-william-shatner

ROME in its beauty and magical moments

ROME is life and beauty together. When you walk in Rome, its monuments and its history are in every step you take. Every little stone has a history to tell you, while the historical buildings are continuously reminding you about the beauty and the glory of the ancients. You can watch, read or see everything about Rome, even if you do not live in Rome, but you will miss the magic of the eternal city.

 

speter1spietro

In spring 2015 I was looking for this beauty while standing at home and I bumped into the actor and film director Giulio Base (imdb link). He lives in Rome and loves beauty and life; he managed to embrace the streaming app Periscope in its best possible way by continuously streaming live walks in Rome since then.

 

ROME BECOMES MORE AND MORE BEAUTIFUL – Immediately for me, ROME became more and more beautiful than ever. Guilio’s walks in Rome are dedicated to beauty, but also to life and poetry. Walking with him in his live streaming is like being there to love everything that surrounds him.
bernini statue selfieOne of my preferred path you can watch is the one from Vatican City Piazza San Pietro, down to Castel Sant’Angelo, turning right on the Bridge Ponte Sant’Angelo where – in one of the memorable walks – the san pietro dal ponteBernini’s statue of an Angel was baptized to be an “Angel doing a selfie” (due to the holding stick), and where the Tevere river is framing Rome in its best contours of San Peter’s church, left back behind where we started walking from.

Then slowly Giulio takes you across the bridge towards Piazza Navona. Before reaching the big square, any little road we go through hides marvellous places and peculiar people that Giulio won’t miss showing you while walking. Local singers on the road, people talking, walking or sitting at restaurants, bars or shopping, everything is a scope. Everything will come to you in its beauty as Giulio shapes and conveys the flow to be a piazza navona fontana del bernini e di borromini (dietro)mervellous charm even if for a few moments. The big monuments talk for themselves, like in Piazza Navona; here we are taking part in a poem of emotions as we set aside watching the beauty of Borromini’s and Bernini’s.

The pace of the walk is always very comfortable. When you need to watch something for a long time, Giulio will do it without asking you. When the narrator voice (Giulio’s of course) is not needed, it stops talking. When people around him are too much involved, Giuilio respects their privacy and leave them. The city is of course crowded of people, but Giulio respects them all. The walk will never bother you while watching and you’ll be more and more in love with Rome at every step.

Giulio’s path is perfect if you wants to visit Rome. Walking from Vatican to Colosseo is easy and you can stop by any place to eat in case or relax. Giulio takes two hours to do 3 kilometers by foot. You can split the trip in Rome in more days, but when it’s 5pm, you want to start walking on Giulio’s path if you want to eat later at 8pm and enjoy the sunset.

Itinerario Periscope by Giulio Base fatto con Viaggia&Risparmia

Itinerario Periscope by Giulio Base fatto con Viaggia&Risparmia

PANTHEON, ALTARE DELLA PATRIA AND COLOSSEO – While Giulio now takes us to the Pantheon’s area, we’re instructed of good places to be at, great bars for an ice cream, great places for a photo, and for having a lot of fun. There is never the “best” place in his words because the stream respects everyone and everything; we are walking respecting beauty and people all the time.

colosseoWhen we reach our final walk toward the Colosseo, after passing by the Altare della Pace, we realize that we are part of the live stream like if we were there with Giulio. We’re so much there with him that we realize that soon we’ll be going to… touch the Colosseo!

Overhelmed by the emotions and by the surrounding beauty, soon to be touching the Colosseo, love touch colosseowe and Giulio reach the base of the amphitheater; we are ready to be carried in the most emotional moment of the whole evening. After all the previous beauty of people and places, after the magic moments of life and even perils (yes, perils, due to the so-called killing cars Giulio bumps into  from time to time while walking), we’re now touching the Colosseo!

THE KING OF PERISCOPE – You can watch Giulio Base, “King of Periscope”, and his scopes on Periscope almost every day. When you want to be thankful for such an emotional moment of beauty and start typing something in the chat to Giulio, he already knows that, he turns the camera to show his face, smiles and tells us “Thank you! … and thank God“, so few but powerful words that we all share and agree.

Click here to See this Giulio Base’s itinerary in Rome and Google Maps here: http://urlgo.it/Fm

  1. Piazza di San Pietro (piazza/starting point)
  2. Ponte Sant’Angelo (ponte/bridge)
  3. Fontana dei Quattro Fiumi (monumento)
  4. Pantheon (sito archeologico)
  5. Piazza Venezia (piazza/square)
  6. Monument to Vittorio Emanuele II (monumento)
  7. Colosseum (anfiteatro)

Giulio also streams music moments and night’s meditation scopes from time to time. Be sure not to miss them!

landscape-navona-roma

Thank you for reading.

Venerdì 13, il Solar Flare che fa impazzire il mondo (e Wind).

Venerdì 13 Giugno 2014, una data da film horror, è invece il giorno in cui sistemi di telecomunicazione sparsi per il mondo hanno subito un black-out elettromagnetico a causa di un Solar Flare, terzo di una serie già prevista dalla Nasa.

Ecco un grafico per farci capire dell’entità del problema.

6AM USA TIME FRIDAY 13 SOLAR FLARE

100% DOWNTIME WIND, 21% BLACKOUT VERIZON USA – Il grafico indica i problemi di rete che hanno portato al 21% del Black Out per Verizon, il carrier americano che alle 5 AM americane, circa le nostre 11 del mattino di Venerdì 13. In America non è stato l’unico servizio a manifestare problemi di blackout. Da noi lo stesso fenomeno ha causato il 100% del down-time di Wind per almeno 5 ore. Perchè da noi il 100% lo vediamo tra qualche paragrafo.

CAMPI ELETTROMAGNETICI E UN “MINI-MAX” FLARE – La NASA studia molto da vicino e attentamente il comportamento del sole. Esplosioni di plasma sul sole emettono radiazione che per la maggior parte delle volte ricadono sul sole stesso per via della forte gravità, e, anche quando viaggiano verso l’universo circostante, investono pianeti e lune senza causare troppi problemi.
Il problema è quando sul tragitto ci sono apparecchiature che funzionano elettronicamente. Un campo magnetico che varia di intensità che attraversa un materiale conduttore di qualunque genere esso sia, produce un campo elettrico che si propaga nello stesso. Se il conduttore è un’apparecchiatura che non è pronta a gestire tali sbalzi elettrici, essa va in corto circuito e smette di funzionare, se siamo fortunati. Più l’angolo di impatto tra il campo magnetico e il conduttore è vicino ai 90°, maggiore è il campo elettrico prodotto.
La NASA ha registrato tutti i flare di questi giorni, annunciando che quello di Venerdì 13 poteva essere “il più fastidioso della serie”, seppur classificandolo come un “flare mini-max” ovvero uno di quelli a più bassa intensità degli ultimi 10 anni di attività del Sole.

solar-flare-10-giugno-2014-nasa

FLARE DI CLASSE x1.0 IL COLPEVOLE – Il colpevole del blackout di Wind /Infostrada è un solar flare di classe x1.0. Questo è il flare del 10 giugno. Una particolare esplosione nucleare classificata dalla Nasa con X1.0, ovvero un tipo di radiazione “STRONG” che può provocare sulla Terra ampie aree di blackout alle trasmissioni radio, per almeno 1 ora dalla parte della Terra esposta al Sole. Inoltre i segnali di navigazione di bassa frequenza posso subire disturbi.

PERCHè DA NOI IL 100% DI BLACKOUT E IN USA SOLO il 21%? – All’ora dell’impatto con il Flare, l’Europa era quella più esposta al Sole; se il 21% di Verizon ha subito un Blackout, dovete pensare che per loro erano “solo” le 6 del mattino, quindi pensate a che cosa poteva essere se da loro fosse stato mezzogiorno come da noi. Inoltre in Europa, l’Italia è sicuramente più esposta della Svezia e, poichè non avremo mai report e dati dai carrier all’equatore (forse Wind potrà avere qualche report dalle sue partnership africane, ma di difficile accesso), pertanto ci terremo questo primato “naturale”, ovvero il primato di essere stati quelli tecnologicamente più avanzati e più esposti al flare “mini-max” del 13 Giugno 2014.

SERVER DOWN, HELP! – Non vorrei essere stato un tecnico di Wind-Infostrada. E’ già un panico quando un Server ha dei problemi, figurarsi quando i problemi non sono controllabili. Forse con qualche gabbia di Faraday in più sugli edifici avremmo potuto evitare qualcosa, ma non certo i satelliti. Come ogni problema, ce ne deve accadere uno serio per poi decidere di sistemarlo. E magari ora qualcuno seguirà maggiormente i “news feed” della NASA.
Inoltre mi piace pensare che, di tanto in tanto, la natura ci ricorda chi comanda nell’universo, anche se noi stessi, vorrei ricordarle, siamo una sua (buona) invenzione.

Al prossimo flare… forse?
Adios.

da Leopard a MacOs Mountain Lion; che Safari ragazzi…!

MacOs Leopard è stato, secondo me, uno dei migliori aggiornamenti, se non IL migliore Mac OS mai installato sui miei Mac.

La spinning Wheel di Excel ci perseguita!

 

Non solo le performance erano strabilianti, ma l’intero Core del sistema era stato riscritto per sfruttare finalmente a pieno i 64 bit delle macchine fino ad ogni processo possibile. Ad esempio, se volevate stampare in PDF da Safari (e non fate quella faccia pensando a Safari!), il Print to PDF integrato di Apple (non serve quel dinosauro sempre-più-inutile-Adobe per fortuna), il processo che Safari lanciava per la Stampa e quello successivo per il Rendering del documento da HTML a PDF erano tutti regolarmente a 64 bit.

 

MACOS LION, LA CADUTA — Poi è arrivato Lion. Un Leone è “meglio” di un Leopardo: il Leone è il Re della foresta. Ma qualcosa non ha funzionato. Intanto Lion esce dopo gli anni peggiori di Jobs, il progetto è tutto in mano al nuovo direttore dei sistemi Operativi che è sicuramente distratto da iOs, il sistema dell’iPhone. Quest’ultimo sta dando così tanti numeri (positivi) per Apple, che dedicarsi a iOS è un attimino più importante di MacOS, soprattutto perchè Android arriva per la sua prima volta a una versione decente (la 4.0).

Pertanto arriva Lion, sostituisce Leopard e la prima cosa che fa è stabilire che il sistema di esecuzione dei processi non è più fatto “ognuno per sè”, ma “tutto dipende dal lui”. Pertanto Safari perde il suo motore di rendering per le pagine Web che Lion rende esterno ed eseguibile da qualunque parte lo si voglia chiamare. In questo modo se avete un’altra applicazione che vuole gestire un documento Web, questa può farlo con la stessa completezza di Safari (sia Apple Mail, iWorks o anche Excel, Autocad, un gioco, iTunes, etc); geniale, ma se usate al 99% la sola applicazione Safari, in Leopard i processi di rendering erano tutti suoi, ora invece sono condivisi e in attesa che anche qualcun altro li voglia usare, diminuendone la potenza nominale a disposizione.

Fin qui tutto già collaudato: è come in iOs. Ma il Sistema Operativo, che ora gestisce il processo, può anche bloccarlo con “urgenza” se necessario (es. c’è poca Ram, l’hard disk è molto impegnato altrove, etc). Prima Safari si arrangiava da solo, ora Safari non fa altro che delegare e sperare che i processi esterni siano sempre veloci. Ma non è così. Quando si vuole stampare documenti Web in PDF, Safari chiede al processo di Rendering la pagina Web; poi chiede al processo PDF la trasformazione da Web a PDF; prima tutti e due i processi erano in Safari, con LION non più.

In questo modo le operazioni di stampa e Rendering RIPETUTE rispondevano dal 20% al 50% più lentamente di Leopard. Più il Mac era vecchio e peggio pesava la concorrenza dei processi.

 

MACOS LION E IL “WHITE PAGE BUG” DI SAFARI — Nel giro di pochissimo tempo, la produttività del mio Mac con LION era diventata la metà dei tempi di Leopard. Safari spesso “attendeva” per lunghi attimi che i processi si liberassero dallo “swap” dell’hard disk gestito del Sistema Operativo. Se iOs è abbastanza protetto e generalmente l’utente fa una cosa alla volta in un iPad o iPhone, MacOS non è altrettano “mono processo” e quando il processo esterno di Rendering crashava per qualche motivo, TUTTE le pagine che usavo in Safari tornavano come se fossero state appena aperte (chiamato da Apple come il “blank page” bug), e sottolineo TUTTE, non solo quella che aveva causato il crash (alla faccia dei processi separati!). Ma ancora più subdolo era che le pagine in cui era stata effettuata una login tramite sessioni AJAX, ad esempio Facebook, esse rimanevano collegate all’utente, ma la pagina Web mostrava la pagina nuova di login!

Ad un certo punto della sua vita, il mio Safari poteva aprire 2 nuove finestre, una andava su Facebook e una su Google Plus, loggava su entrambe, e quando Google Plus faceva partire il processo (esterno) di rendering per Flash, questo, impegnando per qualche secondo l’hard disk, mi permetteva di farlo crashare (semplicemente chiudendo la finestra!), e Safari, crashando, generava un LOGOUT non solo da Google Plus (causa del crash per colpa di Flash), ma anche da Facebook (pagina diversa e regolarmente connessa), senza che nessuno avesse cliccato “esci da facebook” o “esci da gplus”. Infatti le sessioni di Facebook non erano realmente chiuse e chiunque avesse fatto “Refresh” di nuovo  avrebbe trovato il mio Profilo aperto e non la login!

Con LION ci sono state parecchie update di Safari, ma nessuna ha migliorato questo problema, anche quando Apple pubblicamente fece una update dedicata. Ovviamente era solo “diminuito” il bug, ma era semplice riprodurle e lasciare pagine loggate apparentemente sloggate con la tecnica di flash.

In un cyber cafè, faccio loggare un utente su Facebook, crasho il sistema con un Applescript e Flash e se tu utente te ne vai scocciato, vado lì, reloado Safari e sono sul tuo Profilo di Facebook.

 

I CLOUD, U CLOUD WE ALL CLAIM FOR A BETTER MACOS — Ma i problemi non erano solo di Safari. L’introduzione di iCloud in LION è stata praticamente impercettibile lato utente, mastodontica lato performance; per portare il cancello di iCloud, LION è diventato un insieme di processi e controlli di rete. Per muovere una connessione, non aspettava i tempi morti, ma al boot tutto e tutti dovevano collegarsi al mondo il prima possibile.

La conclusione? LION è stato un MacOS che ha disimparato a fare il lavoro “vero” per iniziare a fare mille cose di iOs, inutili. Se la rotella di attesa di Excel era diventata meno frequente, con LION la rotella di attesa di Excel appariva più di ogni altra cosa, e la gestione dei FONT, probabilmente delegata al sistema operativo rallentava sempre di più l’utilizzo di ogni applicazione che usasse font in modo estensivo.

 

MACBOOK RETINA SAVE ME! — La conclusione è stata che per continuare a lavorare con LION, dovevo cambiare Mac… non con un Windows, quello no, ma con un nuovo Mac. I difetti di LION dovevano essere corretti dalla potenza di un nuovo Mac. E così è stato.

Il Macbook Retina Display ha vissuto 1 mese con LION, rendendolo veloce come il Leopard di 4 anni fa! Un bel piacere, ma anche rabbia. Insomma, il boot in 2 secondi, lo shutdown istantaneo di Leopard erano tornati e non erano stati miraggi solo di un tempo che fu.

 

MOUNTAIN LION, ORA SI RAGIONA — Oggi è arrivato Mountain Lion. Oggi per modo di dire, è un pò che gira. Negli anni bui di LION temevo per il peggio: che Apple avesse perso la via accecata da iOS e dalla concorrenza (di Android), che nessuno più in Apple vedeva le imperfezioni di programmatori pigri e quindi processi o sistemi fatti male rimanevano tali e nessuno li chiamava alla Domenica mattina per una ramanzina (vedi Jobs e l’icona di Google Mail sull’iPhone 1), che sarebbe sempre stato peggio visto che il bug di SAFARI non è mai stato fixato realmente, così come altri problemi fixati solo dopo moltissimi mesi (se non anni per il flicker al nero di alcuni schermi del Macbook Pro unibody).

Oggi c’è Mountain Lion. Il rendering è tornato veloce, il processo esterno non è più “crashabile” con facilità, e se muore, non genera un “blank page bug” di tutte le finestre aperte di Safari che ora è alla versione 6.0; certo è più difficile rallentare un Mac nuovo per poter causare il problema, ma la prova del fuoco è un Excel che ora gira senza rotella!

Speriamo Apple non voglia fare di MacOS un iOS; magari mi sbaglio, ma io vorrei lavorare con questo Mac e non fare Gesture dalla mattina alla sera o stare collegato alla iCloud 24h su 24. Se magari ogni tanto pensasse alle applicazioni “classiche”, saremmo tutti un pò più operativi. Un iWorks come quello che abbiamo non serve a nessuno.

Ah… con LION nessuna applicazione riusciva ad aprirmi 2 GB di file XML, nemmeno Oxygen o BBEdit (quest’ultimo dava un terribile messaggio di altri tempi “OUT OF MEMORY”); ora invece riesco ad aprirlo e anche a consultarlo eppure è cambiato solo il Sistema Operativo.

SAFARI 6.0, UN WEB MIGLIORE?  — E con il Retina Display e qualche sito con grafica Retina, il browsing di Safari 6.0 è indubbiamente migliore di Chrome o Firefox. Tra l’altro Chrome continua a rimanere a 32bit quando oramai Safari è a 64bit da parecchi anni sul Mac.

UPDATE 1 AGo 2012: Stanotte Chrome si è aggiornato alla versione 21.0.1180.57 con RETINA DISPLAY (anche se ancora a 32 bit) e ora è un bel vedere anche con Chrome e non solo con Safari 6.

Quindi, viva Safari 6.0!

 

P.S. E’ con piacere che racconto di questo bug di Safari 6.0! Ma come? Di già un bug? eh sì…

SAFARI 6.0, SCROLL FREEZING BUG — Aprite il Develop Menu di Safari 6.0, attivate il debug Javascript e dite a Safari di fare stopword all’errore se ne capitasse uno, navigate fino a quando (questione di pochi click…) un sito web qualunque vi dà un errore (o fate voi una pagina con un errore), il debugger si attiverà e metterà in pausa il sito per farvi debuggare l’errore. Se non togliete la PAUSA del debug, tutte le altre pagine web che aprirete, userete, navigherete, nuove o già aperte non potranno più … scrollare! EH sì, viva Safari 6.0 — attendiamo fix 😀

Vabbuò, viva iOS!

 

L’Ipad, il media che sta tra Desktop e … Divano!

Indipendentemente da come lo si voglia posizionare, un tablet, un netbook, o semplicemente un nuovo media che sta tra il Desktop e il … Divano, l’iPad puo’ avere finezze e difetti, ma un merito lo ha, e tutto, di farmi riscoprire la lettura di Notizie e Riviste che “per colpa di” (anche se dal mio punto di vista e’ piu’ un “grazie a”) Internet avevo abbandonato a favore di un blog letto al volo ogni tanto, una home page di qualche Quotidiano online aperta velocemente e magari randomiche notizie cercate qua e la’ su siti vari.

b43655a

TV, GIORNALE, METEO, NOTIZIE TUTTE INSIEME DAL DIVANO – Invece ora posso tornare alla versione stampata di Time Magazine, letto forse 2 o 3 volte negli ultimi anni, ma sempre interessante, che con un veloce download e’ subito tra le mia mani. E poiche’ tutte le ricerche di mercato riportano come oggi la fruizione dei media stia cambiando e non da meno voglio uscire dal panel, “contemporaneamente” leggo l’iPad e guardo la televisione, mando una mail e guardo le statistiche di Analytics, per poi passare l’iPad a nipoti desiderosi di giocare al nuovo episodio di High School, ovviamete scaricabile direttamente dall’interno del gioco.

Un mix di media che ora si avvicina maggiormente alle mie esigenze. Le applicazioni dei quotidiani, dal Corriere a Time Magazine, dai Comics della Disney (da quanto non provate a leggere un Topolino? Ora potete farlo (ri)scoprire ai vostri figli con un semplice click) ai Marvel, da Bloomberg al Meteo, Comingsoon per i film, MacUser UK, riviste per Photoshop, visite virtuali a Musei di ogni dove (con guida vocale inclusa) e corsi veri e propri sono la risposta ad una fruizione discontinua e veloce che oramai mi perseguitava da anni e che le pagine cartacee non riuscivano piu’ a soddisfare per la semplice difficolta’ di … averle e poterle leggere in qualsiasi momento, e per la poca voglia di voler leggere un’intera edizione quando l’interesse era solo per pochi articoli.

Ora serve solo che il mix divenga popolare e che gli editori sappiano creare una nuova modalita’ di consultazione redditizia per loro e per i lettori (insomma, che non sia un cavalcare una moda).

PAY-PER-READ E ADVERTISING INTERATTIVO – Mi piacerebbe pagare anche solo i singoli articoli, magari centesimi, per evitare di leggere di notizie che non vorrei mai avere; se devo interagire con le pubblicita’, che non sia un layer sovrapposto alla prima pagina del quotidiano in attesa di un caricamento, o un Ads sullo stile di Youtube che si sovrappone fastidiosamente su quello che sto facendo, ma voglio poter accedere allo spot di una Lavatrice, guardarne le caratteristiche, trovare dove e’ venduta e magari ricevere in modalita’ push o via email altre informazioni.

Cosi’ come il media mix sta cambiando, anche la pubblicita’ dovrebbe farlo. Dopotutto stiamo usando device collegati alla rete (quasi) sempre; gli inserzionisti possono fare Marketing, Branding ma anche Infocommerce, dare un valore al marchio con uno spot appassionante, ma anche dare informazioni pratiche e collegarti ai siti di competenza, dare listini, piani tariffari, presentazioni, tutto partendo da uno spot digitale che, da fermo e statico di una volta, ora interagisce con te e ti chiede di “Girare il tuo iPad” per vederlo in azione. Entusiasmante.

Cloud Computing: un chip per Apple iTunes?

Originalmente nati come HaaS “hardware as a service” e SaaS “Software as a Service”, il cloud computing e’ la convergenza delle architetture hardware e software che permettono di elaborare dati, raccogliere dati, dare dati in modo distribuito.

In parove povere, Clound Computing e’ il servizio che viene distribuito in reti locali o mondiali per migliorarne l’utilizzo da parte degli utenti. Nato nel 1999, oggi l’esempio piu’ classico e’ la Search di Google: il servizio e’ il piu’ vicino possibile alla tua adsl per massimizzare la sensazione di velocita’ del servizio.

cloud-computing

E’ normale infatti imputare al servizio un disservizio della rete che ci collega ad esso. Tale comportamento dovuto alla latenza di una rete o alle applicazioni che usiamo per navigare spesso trasferiscono al servizio la sensazione di poverta’ dell’offerta. E’ facile, insomma, dare la colpa al servizio finale anche quando in realta’ esso non ha nessun problema, ma lo ha qualcosa tra noi e loro. Una pagina web che si blocca e la colpa e’ del sito web, quando magari e’ un plugin di Flash o Java malfunzionante o la rete di Alice adsl lenta a risolvere gli IP per collegarsi.

Per questo il Clound Computing trasporta il piu’ vicino possibile all’utente il servizio desiderato. IBM, Microsoft, Google con il superbo progetto Google App Engine, Amazon nomi sulla bocca di tutti. Con Amazon, che per prima tenta di portare il servizio a piu’ utenti possibili, attraverso le AWS (il servizio a pagamento di Amazon per gli sviluppatori) e’ possibile dare anche una propria FOTO e chiedere ad amazon di darla agli internauti attraverso il loro servizio di cloud computing. Se un giapponese visualizzera’ la vostra foto, la ricevera’ da server in giappone, se e’ un tedesco, da server di Francoforte. Costoso per i piccoli, efficace per i grandi.

IL CLOUD COMPUTING DI APPLE – Quando Apple presento’ AppStore, il servizio di iTunes per distribuire le applicazioni di iPhone, una riga tra le slide del keynote di Jobs recitava “Fastest Delivery Worldwide”; questa riga sottolineava come AppStore avrebbe massicciamente utilizzato una tecnlogia Cloud Computing per distribuire le applicazioni iPhone nel mondo. Questo significa che quando siete su iTunes di un PC o su AppStore direttamente dall’iPhone e scaricate una applicazione, questa sara’ trasferita nel tempo minore possibile.

Il fatto che le applicazioni di iPhone (e anche la musica di iTunes) vi vengano recapitate alla massima velocita’ e’ fondamentale per associare al servizio la sensazione di “Velocita’”. E’ importante per il successo dello stesso.

Per questo Apple fa uso di tecnologia Software e Hardware as a Service per iTunes.

La disponibilita’ di banda larga permettera’ a questi servizi di diventare sempre di piu’ utilizzati e utilizzabili. Nei videogames, sono state annunciate importanti operazioni di digital download. Benche’ nel 2009 e’ previsto che solo il 2% del mercato del Gaming sara’ venduto tramite digital download, la distribuzione di applicazioni e media tramite reti sara’ sempre piu’ attuale.

Quando Apple e Google annunciano di voler costruire proprie farm, la notizia anni fa non associava immediatamente alla necessita’ di poter deliverare velocemente non solo pagine web, ma anche applicazioni e musica.

NON TUTTO E’ MUSICA – Parallelamente alle applicazioni e alla musica di iTunes, Apple sta giocando un’altra delle partite secondo lo stile di “Jobs”. Con l’esperienza fatta in Disney-Pixar e con le porte (quasi) spalancate dopo il successo di iTunes, e’ facile per Jobs ipotizzare un business plan che coinvolga le major cinematografiche per la distribuzione dei film e delle serie TV anche su iTunes. Be’ lo fa gia’, ovviamente. In iTunes USA e’ stato appena annunciata la disponibilita’ di film e serie in formato HD (High Definition).

Distribuire film (in HD) non e’ proprio come distribuire file audio o applicazioni iPhone di 10 megabyte. E’ vero che ci sono applicazioni di 100 megabyte gia’ su iTunes, ma la media e’ di 10 megabyte.

Quando si parla di “acquistare” una serie TV in HD da iTunes, vuole dire accedere da 300 a 900 megabyte di dati da scaricare. Se volete scaricare un film in HD magari con audio 5 canali, si parla di almeno 3 o4 gigabyte. Se per la musica bastava vincere lo scetticismo delle major, per i film c’e’ un problema di delivery dei media.

TECNOLOGIE HARDWARE PROPRIETARIE PER LA DISTRIBUZIONE DI SOFTWARE – E’ OnLive, il servizio di distribuzione dei videogiochi online che si annuncia come “il futuro di internet” e sostenuta addirittura da Steven Spielberg, la prima azienda che vuole trasferire dati (videogiochi in questo caso) in una nuova modalita’ composta da tecnologie di compressione proprietarie e streaming parziale dei giochi.

Forse per questo Apple, da anni avida accentratrice di tutti i nuovi film in uscita al formato proprietario Quicktime MP4 e recentemente indaffarata ad assumere ingegneri AMD, puo’ voler pensare ad una propria tecnologia di compressione hardware che permetterebbe di distribuire applicazioni di megabyte o film di gigabyte in meta’ tempo, di diventare la piu’ grande scatola di distribuzione digitale e di aumentare il valore dei propri macbook e desktop (o iPhone e media TV vari che si inventera’) con il semplice fatto che possono vedere i film… meglio e piu’ velocemente cosi’ come iPod fu per la musica.

In questu blög senza la lüüs: Cofanetto 40 Pass Corriere della Sera

Visto che sono assente da queste pagine da qualche settimana (ma ci sono buone ragioni legate all’e-commerce di cui parlero’ presto), ne approfitto per lasciare nel Web due righe di commento riguardo ad un’ottima iniziativa di Davide Van De Sfroos, cantautore lombardo, che da qualche lunedi’ allega al Corriere della Sera un CD audio con le sue canzoni per un’opera audio e video da collezione.

copertina

Davide e’ uno dei migliori.

Questa con il Corriere e’ indubbiamente un’ottima iniziativa, ma sono sicuro che per i fan da sempre di Davide l’opera non e’ apprezzata in tutti i suoi aspetti purtroppo, anzi, e’ un dispiacere, non per’ il packaging o l’idea che e’ perfetta, ma per un elemento fondamentale … l’audio e la qualita’ delle tracce che e’ … assai deludente, cupo e rimbomba come registrato da dietro chi suonasse, tanto da non poterlo ascoltare (si preferisce di gran lunga gli originali o i “laiv”) una volta che si sono vissuti gli anni di concerti e delle canzoni del cantautore comasco.

Inoltre, tutte le canzoni sono cantate davanti ad una piccola platea e spesso arrangiate piu’ lentamente  degli originali peggiorando in alcuni contesti il tono e l’enfasi degli originali, l’ironia e la poesia.

Un must per chi ama Davide, ma spesso troppo groove in questa edizione qualitativamente “deludente”. Se vi piace, andate a sentire dal vivo i “veri” Davide Van De Sfroos.

Edit: emozionante il DVD con il concerto di Milano.

Android: Donut, Chesscake, hamburgar che sia, il biz di google è… ancora la search!

Android 1.5 è stato presentato da Google e ora la sfida con iPhone e Windows Mobile è ufficialmente lanciata. Secondo Google ci sono il triplo di utenti di cellulari al mondo (3,2 miliardi) rispetto agli utenti Internet.

google-android

Benchè la previsione di vendita dei cellulari che utilizzano Android (i cosiddetti gPhone) è stata parecchio conservativa (8 milioni di gphone previsti nel 2009 contro i 23,9 di Apple iPhone), le news dell’annuncio riportano il dato percentuale di crescita (900% di gphone rispetto al 70% di Apple iPhone), dimenticando che gphone parte da zero e che da zero a 9 unità vendute è già un +900%.

 

DONUT, CHESSCAKE, HAMBURGAR CHE SIA, IL BIZ DI ANDROID E’ NELLA SEARCH – Ma Google prepara già la sua battaglia successiva. Con la stessa partita, Android 2.0 “Donut” può supportare schermi video molto più ampi e compatibili con i 10″ pollici, ad esempio, dei netbook.

E’ chiaro che più device Google possieda e più utenti utilizzeranno le applicazioni Google e tra tutte, la Search, l’unica che ad oggi è la fonte di revenue per il colosso di Mountain View.

Che sia un gphone o un netbook, gmail, calendar, google maps, voice search, web search, tutte quante per Google dovranno e vorranno solo far fare click sui risultati di ricerca, locali si spera. Per questo Google sta investendo parecchio per espandere le proprie attività sulla Local Search (quella che, ad esempio, in Milano vi permette di trovare luoghi e destinazioni commerciali vicino a voi). Per Google le revenues del 2008 sono state del 97% provenienti dalla Search a pagamento (e il 3% è licenza di tecnologia e server).

 

APPLE ITUNES LEADER NEL DOWNLOAD A PAGAMENTO – Quando si guarda Apple invece, si scopre che iTunes è stata la startup più veloce al mondo a rientrare a break even (già nel 2007 1,9bn$ al 30% di margine, dati Billboard US e 4 miliardi di canzoni vendute), potersi pagare lo sviluppo di iApps, lo store online delle applicazioni per iPhone, distribuire musica e applicazioni in cloud computing e diventare il numero 1 al mondo in fatto di applicazioni vendute per telefonini. Non da meno, è il negozio di musica più redditizzio al mondo, più di Amazon o di qualsiasi prodotto Microsoft, Zune compreso.

Insomma, Apple fa già soldi dal solo iPhone e iTunes ha già sfornato più di un miliardo di applicazioni, di cui un 15% pagate, soldi per Apple, ma anche soldi per gli sviluppatori.

 

IL SUCCESSO DIPENDE DAL RAPPORTO CON GLI SVILUPPATORI – Sono gli stessi sviluppatori che commentano il successo di iTunes e di iPhone annunciando di “fare finalmente soldi” da una applicazione per cellulari, dopo numerosi tentativi falliti per Symbian o RIM. Non a caso iTunes sforna applicazioni nuove ogni giorno, ci sono i titoli più famosi di ogni casa, Electronics Arts, Namco, Filemaker, etc mentre Android.com sembra una pagina “under construction” senza applicazioni in vendita.

Insomma, il successo di iPhone non è solo nell’avere rivoluzionato la piattaforma dei mobile, ma di avere re-inventato il successo sulla disponibilità e facilità di installazione e sviluppo di applicazioni gratuite e commerciali. Apple ha consolidato il rapporto con i developers in questi anni, grazie alla rivoluzione Intel/Unix di MacOS da essere stata definita “una buona iniziativa” da parte di Ballmer stesso.

Vi ricordate quando iPhone fu introdotto, Nokia tentò di dissuaderne l’acquisto mostrando i problemi d’utilizzo della tastiera virtuale del prodotto di Apple? Bè, sappiate che quella, in grado di seguire la rotazione del telefonino, è una delle feature di “punta” di Android 1.5 di Google.

 

LA QUALITà ALLA BASE DEL PIACERE D’UTILIZZO – Infine, c’è un dettaglio di qualità su cui vale la pena spendere due parole. Il prodotto di Apple e le patent che lo proteggono permetto all’iPhone di avere dettagli e animazioni “fisiche” piacevoli. Ad esempio, le applicazioni si aprono con un effetto zoom (e nello stesso modo si chiudono), le pagine alla fine di una sequenza sbattono contro al margine del telefonino se si tenta di farle passare alla pagina successiva, le foto letteralmente “volano” nel cestino o nella posta se spostate e le icone sono tutte ombreggiate e perfettamente disegnate. E’ uno stile che Apple porta con sè da sempre; Android è il prodotto che invece nasce su carattere cosmopolita, meno dettagliato, ma più aperto, ma per questo gli manca un tocco di classe e di piacevole usability.

Apple controlla la qualità del prodotto con rigide regole di programmazione e distribuzione. Una delle questioni per cui le applicazioni Apple non possono produrre processi in background è per evitare che una applicazione programmata male produca un processo zombie che rimanga appeso e consumi calcolo macchina e pertanto vi faccia durare un iPhone metà delle ore. A chi dareste la colpa se il vostro iPhone facesse metà della durata di quanto scritto nelle specifiche? Ad Apple sicuramente. Per questo Apple vuole maniacalmente controllare lo sviluppo del suo device. Qualità significa successo. 

Se Android, che è basato su Linux 2.6, diventerà un open source oppure sarà dato in licenza a più case, per Google il controllo della qualità sarà uno dei problemi più grandi. E’ vero che le applicazioni di Google sono fatte da Google e lo sviluppo delle specifiche di Android è anche controllato dal consorzio creato da Google chiamato The Open Handset Alliance, ma dare Android a Sony Ericsson, Motorola, HTC, significa permette lo sviluppo da terzi e da terzi di terzi e generalmente i consorzi permettono l’adozione di standard ma non il controllo della qualità dello sviluppo. Dopo quanti mesi il vostro Windows sembra andare metà della velocità del primo giorno? Se succedesse questo anche per Android, non ci sarà battaglia.

Halloween 1 – Tutti i Santi 0

Un (brutto) logo pagano sulla home page di Google.it, che appare un pò si’ e un pò no su Google.com per problemi di replicazione di dati a quanto pare, per ricordarci come il mondo di internet sia ateo, freddo e “user generated content“.

Certo domani non mi aspetto un logo per celebrare invece il significato cattolico e gioioso del 1° Novembre; purtroppo non è una festa americana, non è nemmeno per tutti, è “solo” un valore di pochi e quanto meno per “internet”.

ACCORDO AAP – GOOGLE PER I LIBRI – Nello stesso momento Google compra la causa da parte dalla AAP, l’associazione che tutela i diritti degli autori di libri in America, e la rivende alla stampa come un accordo da 125 milioni di dollari per l’indicizzamento di tutti i libri che vogliano apparire in Google. O forse è stata la stampa a raccontarla in modo più piacevole per Google. Fatto sta che milioni di libri appariranno in Google.

DEAL YAHOO – GOOGLE AL TERMINE – Rumori intanto parlano dell’accordo tra Google e Yahoo! e del possibile abbandono dello stesso da parte dei due colossi. Forse il dipartimento americano dà ragione a Microsoft e di certo non sta sbagliando.

GOOGLE SPINGE IL LOCAL – Quello che è certo è invece quanto Google voglia investire sul local ancora di più e su tutte le attività di geo targeting, sui servizi locali e il local advertising.

In effetti questo è un prodotto che funzionerebbe bene in Maps, in Mobile e G1 e nella search con Adwords, quest’ultimo ancora l’unico prodotto con cui Google produce fatturato, e gli utenti sembrano poterne gradire l’utilizzo, finalmente.

HALLOWEEN 1 – TUTTI I SANTI 0 – Però domani vorrei poter non vedere il logo di Halloween per il mio 90% (quanti sono gli utenti internet che cercano con Google in Italia) di ricerche sul web. Già Papa Gregorio, per combattere la concorrenza di una festività celtica sempre più popolare e sempre più pagana spostò la festa cattolica dei morti dal 13 Maggio al 1 Novembre. Non credo che Papa Benedetto XVI oggi abbia tra i punti in agenda quello di “dare un messaggio alle 20 milioni di persone che vedono un logo pagano sulla home page di Google”. Eppure vorrei tanto vedere un logo di Tutti i Santi sulla home page dei siti che uso di più.

Lo vorrei davvero.

Buona festa (di Tutti i Santi)!